cebnews.eu

Rendimento scolastico

Il rendimento accademico o il rendimento (accademico) è la misura in cui uno studente, un insegnante o un’istituzione ha raggiunto i propri obiettivi educativi a breve o lungo termine. GPA cumulativo e completamento di titoli di studio come la scuola superiore e la laurea triennale rappresentano risultati scolastici. Il rendimento accademico è comunemente misurato attraverso esami o valutazioni continue, ma non esiste un accordo generale su come è meglio valutato o quali aspetti sono più importanti – conoscenze procedurali come competenze o conoscenza dichiarativa come fatti. Inoltre, ci sono risultati inconcludenti su cui i fattori individuali predicono con successo la performance accademica, elementi come l’ansia da test, l’ambiente, la motivazione e le emozioni richiedono una considerazione quando si sviluppano modelli di risultati scolastici. Ora, le scuole ricevono denaro in base ai risultati accademici dei propri studenti. Una scuola con più risultati accademici riceverà più soldi di una scuola con meno risultati. In California, il rendimento delle scuole è misurato dall’indice delle prestazioni accademiche.

Le differenze individuali nelle prestazioni accademiche sono state collegate alle differenze di intelligenza e personalità. Gli studenti con capacità mentali più elevate, come dimostrato dai test del QI e quelli che sono più alti nella coscienza (legati allo sforzo e alla motivazione del rendimento) tendono a raggiungere risultati accademici elevati. Una recente meta-analisi ha suggerito che la curiosità mentale (misurata dal tipico impegno intellettuale) ha un’influenza importante sui risultati accademici oltre all’intelligenza e alla coscienziosità. L’ambiente di apprendimento domestico semi-strutturato per bambini transita in un ambiente di apprendimento più strutturato quando i bambini iniziano la prima elementare. I primi risultati accademici migliorano i risultati accademici successivi. La socializzazione accademica dei genitori è un termine che descrive il modo in cui i genitori influenzano il rendimento scolastico degli studenti modellando le abilità, i comportamenti e gli atteggiamenti degli studenti nei confronti della scuola. I genitori influenzano gli studenti attraverso l’ambiente e i discorsi che i genitori hanno con i loro figli. La socializzazione accademica può essere influenzata dallo stato socio-economico dei genitori. I genitori molto istruiti tendono ad avere ambienti di apprendimento più stimolanti. Inoltre, recenti ricerche indicano che la qualità della relazione con i genitori influenzerà lo sviluppo dell’autoefficacia accademica tra i bambini di età adolescenziale, che a loro volta influenzeranno il rendimento scolastico. I primi anni di vita dei bambini sono fondamentali per lo sviluppo delle competenze linguistiche e sociali. La preparazione scolastica in queste aree aiuta gli studenti ad adattarsi alle aspettative accademiche. Prove indirette suggeriscono che l’attività fisica potrebbe influire sul rendimento scolastico. Gli studi hanno dimostrato che l’attività fisica può aumentare l’attività neurale nel cervello. L’esercizio aumenta in modo specifico le funzioni del cervello esecutivo come la capacità di attenzione e la memoria di lavoro.

Fattori o abilità non cognitivi, sono un insieme di “atteggiamenti, comportamenti e strategie” che promuovono il successo accademico e professionale, come l’autoefficacia accademica, l’autocontrollo, la motivazione, l’aspettativa e le teorie dell’obiettivo, l’intelligenza emotiva e la determinazione . Per creare attenzione su fattori diversi da quelli misurati dai punteggi dei test cognitivi, i sociologi Bowles e Gintis hanno coniato il termine negli anni ’70. Il termine serve come distinzione dei fattori cognitivi, che vengono misurati dagli insegnanti attraverso test e quiz. Le abilità non cognitive stanno guadagnando sempre più popolarità perché forniscono una spiegazione migliore per i risultati accademici e professionali.

La motivazione è il ragionamento dietro le azioni di un individuo. La ricerca ha scoperto che gli studenti con prestazioni accademiche, motivazione e persistenza più elevate usano obiettivi intrinseci piuttosto che quelli estrinseci. Inoltre, gli studenti che sono motivati ​​a migliorare le loro prestazioni precedenti o future tendono a esibirsi meglio accademicamente rispetto ai colleghi con una motivazione inferiore. In altre parole, gli studenti con maggiore necessità di successo hanno una maggiore prestazione accademica. Le abitudini alimentari possono creare lo svantaggio di una mancanza di motivazione

L’autocontrollo, nel contesto accademico, è l’autodisciplina, l’autoregolazione, il ritardo della gratificazione e il controllo degli impulsi. Baumeister, Vohs e Tice hanno definito l’autocontrollo come “la capacità di modificare le proprie risposte, in particolare per allinearle a standard come ideali, valori, morale e aspettative sociali e per sostenere il raggiungimento di obiettivi a lungo termine “. In altre parole, l’autocontrollo è la capacità di dare priorità agli obiettivi a lungo termine rispetto alla tentazione di impulsi a breve termine. L’autocontrollo viene solitamente misurato attraverso questionari auto-compilati. I ricercatori usano spesso la scala di autocontrollo sviluppata da Tangney, Baumeister e Boone nel 2004. Attraverso uno studio longitudinale del test di marshmallow, i ricercatori hanno trovato una relazione tra il tempo trascorso in attesa del secondo marshmallow e il rendimento scolastico più alto. Tuttavia, questo risultato si applicava solo per parti

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top