cebnews.eu

Selezione di gruppi culturali

La selezione dei gruppi culturali è un modello esplicativo all’interno dell’evoluzione culturale di come i tratti culturali si evolvono in base al vantaggio competitivo che conferiscono a un gruppo. Questo approccio multidisciplinare alla questione della cultura umana coinvolge la ricerca nei campi dell’antropologia, dell’economia comportamentale, della biologia evolutiva, della teoria evolutiva dei giochi, della sociologia e della psicologia. Mentre le norme culturali sono spesso benefiche per le persone che le possiedono, non devono esserlo. Le norme possono diffondersi attraverso la selezione di gruppi culturali quando vengono praticate all’interno di gruppi di successo, e le norme hanno maggiori probabilità di diffondersi da gruppi che hanno successo. Ma, affinché si verifichi la selezione di gruppi culturali, devono esistere, tra gruppi, differenze culturali che, se trasmesse attraverso il tempo, influenzano la persistenza o la proliferazione dei gruppi. Le norme culturali che forniscono questi vantaggi porteranno, a loro volta, allo spostamento, all’assorbimento o addirittura all’estinzione di altri gruppi culturali di minor successo. Tuttavia, i modelli teorici del gioco suggeriscono che se gli individui sono in grado di migrare tra i gruppi (che è comune nelle società su piccola scala), le differenze tra i gruppi dovrebbero essere difficili da mantenere. La ricerca in psicologia rivela che gli umani hanno una serie particolare di tratti, che includono l’imitazione, la conformità e il pregiudizio all’interno del gruppo, che sono in grado di sostenere il mantenimento di queste differenze di gruppo per lunghi periodi di tempo. La selezione dei gruppi culturali fornisce una spiegazione convincente su come si sono formate società complesse su larga scala. Mentre il comportamento altruistico come la selezione di parentela e la reciprocità possono spiegare il comportamento di piccoli gruppi sociali comuni in molte specie, non è in grado di spiegare le grandi società complesse di individui anonimi e non correlati che vediamo nella specie umana. Tuttavia, una delle principali distinzioni tra esseri umani e altre specie è la nostra dipendenza dall’apprendimento sociale nell’acquisizione di comportamenti. Questi istinti consentono l’acquisizione e la persistenza della cultura. Attraverso la selezione di gruppi culturali, il comportamento cooperativo culturalmente specifico può evolversi per supportare le grandi società. Ad esempio, in uno studio che comprendeva una varietà di culture, testando il comportamento in Ultimatum, Dictator e giochi di punizione di terze parti, si è riscontrato che gli standard di equità e inclinazione alla punizione erano correlati sia con la partecipazione alle religioni mondiali che con l’integrazione del mercato. Questo indica quanti dei comportamenti necessari per le società complesse sono il risultato di un’esposizione culturale piuttosto che qualsiasi evoluzione della nostra psicologia.

Perché la conoscenza e il comportamento culturale persistano attraverso più generazioni, gli umani devono avere la capacità di acquisire, conservare e trasmettere informazioni culturali. Mentre molte specie si impegnano nell’apprendimento sociale, gli umani si affidano costantemente a questo per spunti comportamentali e informazioni sull’ambiente. In uno studio che ha confrontato bambini umani e giovani scimpanzé, è stato dimostrato che, quando viene fornita una dimostrazione su come recuperare una ricompensa da una scatola, gli scimpanzè copiano il comportamento rilevante, ignorando il comportamento irrilevante, per risolvere il compito. Nel frattempo, i bambini umani imiteranno fedelmente comportamenti pertinenti e irrilevanti per risolvere lo stesso compito. Sebbene ciò possa sembrare una qualità negativa, è ciò che consente una trasmissione affidabile e ad alta fedeltà di informazioni culturali e produce equilibri comportamentali stabili all’interno di gruppi culturali. Michael Tomasello suggerisce che i seguenti tre adattamenti sono necessari per la cultura umana:

A circa 9-12 mesi i bambini iniziano a dedicarsi all’attenzione congiunta. Ciò comporta seguire lo sguardo di un adulto o utilizzarlo come riferimento sociale. In parole povere, diventano consapevoli dell’attenzione e del comportamento dell’adulto nei confronti degli oggetti nell’ambiente. In questo senso, il bambino sta iniziando a capire le persone come agenti intenzionali orientati allo scopo. Questo è di vitale importanza per l’apprendimento tramite l’imitazione e, infine, l’acquisizione del linguaggio.

A circa 1 anno di età, i bambini iniziano a imparare per imitazione. A questo punto, i bambini sono in grado di discriminare le azioni intenzionali da quelle non intenzionali e tenteranno di copiare accuratamente quelle azioni intenzionali per svolgere compiti che hanno visto fare agli adulti. A causa dell’apprendimento imitativo, i bambini copieranno quegli atti intenzionali che non hanno alcun effetto percettibile sul risultato, così come azioni strane o innaturali quando sono disponibili metodi più semplici. Ad esempio, uno studio di Andrew Meltzoff ha scoperto che i bambini di 14 mesi, dopo aver visto un adulto farlo, si piegano in vita e premono un pannello con la testa per accendere una luce, invece di usare le mani. Secondo Tomasello, l’apprendimento imitativo è necessario per l’apprendimento delle convenzioni simboliche del linguaggio.

Attraverso l’apprendimento imitativo, il bambino comprende che i simboli linguistici mirano a focalizzare l’attenzione su alcuni aspetti specifici dell’esperienza condivisa. Nel fare questo, il bambino deve essere in grado di prendere la prospettiva dell’altoparlante. A causa dell’intersoggettività del symb linguistico

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top