cebnews.eu

Sette meraviglie del mondo antico

Le sette meraviglie del mondo o le sette meraviglie del mondo antico è una lista di notevoli costruzioni dell’antichità classica fornite da vari autori in guide o poesie popolari tra gli antichi turisti ellenici. Sebbene la lista, nella sua forma attuale, non si sia stabilizzata fino al Rinascimento, le prime liste di sette meraviglie risalgono al I-II secolo aC. L’elenco originale ha ispirato innumerevoli versioni attraverso i secoli, spesso elencando sette voci. Delle Sette Meraviglie originali, solo una – la Grande Piramide di Giza (chiamata anche la Piramide di Khufu, dopo il faraone che la costruì), la più antica delle antiche meraviglie – rimane relativamente intatta. Il Colosso di Rodi, il Faro di Alessandria, il Mausoleo di Alicarnasso, il Tempio di Artemide e la Statua di Zeus furono tutti distrutti. La posizione e il destino finale dei giardini pensili sono sconosciuti e si ipotizza che potrebbero non esserci affatto.

La conquista greca di gran parte del mondo occidentale conosciuto nel IV secolo aC diede ai viaggiatori ellenistici l’accesso alle civiltà di Egizi, Persiani e Babilonesi. Impressionati e affascinati dai monumenti e dalle meraviglie delle varie terre, questi viaggiatori hanno iniziato a elencare ciò che hanno visto per ricordarli. Invece di “meraviglie”, gli antichi greci parlavano di “theamata” (θεάματα), che significa “mirini”, in altre parole “cose ​​da vedere” (Τὰ ἑπτὰ θεάματα τῆς οἰκουμένης [γῆς]). Più tardi, fu usata la parola “meraviglia” (“thaumata” θαύματα, “meraviglie”). Quindi, la lista doveva essere la controparte di una guida turistica del mondo antico. Il primo riferimento a un elenco di sette di questi monumenti è stato dato da Diodoro Siculo. L’epigrammista Antipatro di Sidone, vissuto intorno al 100 aC, diede un elenco di sette di questi monumenti, tra cui sei del presente elenco (sostituendo le mura di Babilonia per il faro): un altro osservatore del II secolo aC, che sosteneva di essere il matematico Philo di Bisanzio, ha scritto un breve racconto intitolato The Seven Sights of the World. Tuttavia, il manoscritto superstite incompleto copriva solo sei dei presunti sette luoghi, che concordavano con la lista di Antipater. Le liste precedenti e successive dello storico Erodoto (484 aC -c 425 aC) e dell’architetto Callimaco di Cirene (305-240 aC circa), conservate nel Museo di Alessandria, sono sopravvissute solo come riferimenti. Il Colosso di Rodi fu l’ultimo dei sette ad essere completato, dopo il 280 aC, e il primo ad essere distrutto da un terremoto nel 226/225 aC. Quindi, tutti e sette esistevano allo stesso tempo per un periodo inferiore a 60 anni.

L’elenco comprendeva solo i monumenti scultorei e architettonici delle regioni del Mediterraneo e del Medio Oriente, che comprendevano il mondo conosciuto per i greci. Quindi, i siti esistenti al di fuori di questo ambito non sono stati considerati come parte dei conti contemporanei. Anche i resoconti primari, provenienti da scrittori ellenistici, hanno influenzato pesantemente i luoghi inclusi nella lista delle meraviglie. Cinque delle sette voci sono una celebrazione dei traguardi greci nelle arti e nell’architettura (ad eccezione delle piramidi di Giza e dei giardini pensili di Babilonia).

Le sette meraviglie della lista di Antipater hanno vinto elogi per le loro notevoli caratteristiche, che vanno dai superlativi del più alto o più grande dei loro tipi, all’abilità artistica con cui sono stati eseguiti. Le loro caratteristiche architettoniche e artistiche furono imitate in tutto il mondo ellenistico e oltre. L’influenza greca nella cultura romana e la rinascita degli stili artistici greco-romani durante il Rinascimento catturarono l’immaginazione di artisti e viaggiatori europei. Sono stati realizzati dipinti e sculture che alludono alla lista di Antipater, mentre gli avventurieri si sono radunati nei luoghi reali per assistere personalmente alle meraviglie. Le leggende circolavano per completare ulteriormente i superlativi delle meraviglie.

Delle meraviglie di Antipatro, l’unico sopravvissuto fino ai giorni nostri è la Grande Piramide di Giza. Il suo brillante rivestimento in pietra bianca era rimasto intatto fino al 1300 d.C., quando le comunità locali rimossero gran parte della pietra per i materiali da costruzione. L’esistenza dei giardini pensili non è stata dimostrata, anche se le teorie abbondano. Record e archeologia confermano l’esistenza delle altre cinque meraviglie. Il Tempio di Artemide e la Statua di Zeus furono distrutti da un incendio, mentre il Faro di Alessandria, il Colosso e la tomba di Mausolo furono distrutti dai terremoti. Tra i reperti sopravvissuti ci sono sculture dalla tomba di Mausolo e il Tempio di Artemide nel British Museum di Londra. Tuttavia, la quotazione di sette delle più meravigliose conquiste architettoniche e artistiche umane continuò oltre il periodo dell’antica Grecia fino all’impero romano, al Medioevo, al Rinascimento e all’età moderna. Il poeta romano Martial e il vescovo cristiano Gregory di Tours avevano le loro versioni. Riflettendo l’ascesa del cristianesimo e il fattore del tempo, la natura e la mano dell’uomo che superano le sette meraviglie di Antipater, i siti romani e cristiani cominciarono a figurare

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top