cebnews.eu

Spettro di culture di Guilt-Shame-Fear

Nell’antropologia culturale, la distinzione tra una società colpevole (o la cultura della colpa), la società della vergogna (anche la cultura della vergogna o della vergogna) e una società della paura (o cultura della paura) sono state usate per categorizzare culture diverse. Le differenze possono essere applicate al modo in cui il comportamento è governato in base alle leggi governative, alle regole aziendali o all’etichetta sociale. Questa classificazione è stata applicata soprattutto alle società apollinee, ordinandole in base alle emozioni che usano per controllare gli individui (specialmente i bambini) e mantenendo l’ordine sociale, oscurandoli in obbedienza e conformità. Sebbene la stessa persona possa enfatizzare considerazioni diverse a seconda della situazione, i progetti governativi e imprenditoriali che mettono in contatto persone di diversi tipi di culture possono avere problemi.

Nella società della colpa, il metodo principale di controllo sociale è l’inculcamento dei sensi di colpa per i comportamenti che l’individuo ritiene indesiderabili. Una caratteristica preminente delle società di colpevolezza è la fornitura di liberazioni sanzionate dalla colpa per certi comportamenti, sia prima che dopo il fatto. In tali casi vi è l’opportunità che figure di autorità traggano potere, denaro e / o altri vantaggi, ecc. Manipolando le condizioni di colpa e il perdono della colpa. Paul Hiebert caratterizza la società della colpa come segue: La colpa è una sensazione che sorge quando violiamo gli standard assoluti della moralità dentro di noi, quando violiamo la nostra coscienza. Una persona può soffrire di sensi di colpa anche se nessun altro sa della sua colpa; questo senso di colpa è alleviato confessando il misfatto e facendo la restituzione. Le vere culture di colpa si basano su una convinzione interiorizzata del peccato come l’esecutore del buon comportamento, non, come fanno le culture della vergogna, sulle sanzioni esterne. Le culture del senso di colpa enfatizzano la punizione e il perdono come modi per ristabilire l’ordine morale; le culture della vergogna sottolineano l’abnegazione e l’umiltà come modi per ristabilire l’ordine sociale. (Hiebert 1985, 213)

L’Inghilterra anglosassone è particolarmente degna di nota come una vergogna culturale, e questa caratteristica è sopravvissuta anche dopo la sua conversione al cristianesimo, che è tipicamente una cultura della colpa. Altri esempi di cultura della vergogna sotto il cristianesimo sono le culture del Messico, dell’Andalusia e delle società generalmente cristiane del Mediterraneo.

In Cina, il concetto di vergogna è ampiamente accettato a causa degli insegnamenti confuciani. In Analects, si dice che Confucio porti le persone con ingiunzioni amministrative e le metta al loro posto con la legge penale, evitando le punizioni ma senza un senso di vergogna. Guidali con eccellenza e mettili al loro posto attraverso ruoli e pratiche rituali, e oltre a sviluppare un senso di vergogna, si ordineranno armoniosamente.

La società del Giappone tradizionale è stata a lungo considerata un buon esempio di quella in cui la vergogna è l’agente principale del controllo sociale. Il primo libro per spiegare in modo convincente il funzionamento della società giapponese per il lettore occidentale è stato The Chrysanthemum and the Sword di Ruth Benedict. Questo libro è stato prodotto in circostanze tutt’altro che ideali poiché è stato scritto durante i primi anni della seconda guerra mondiale nel tentativo di comprendere le persone che erano diventate un nemico così potente dell’Occidente. In condizioni di guerra, era impossibile svolgere ricerche sul campo in Giappone. Senza poter studiare in Giappone, Benedict ha fatto affidamento su ritagli di giornale, storie, letteratura, film e interviste ai giapponesi-americani. I suoi studi sono giunti a conclusioni sulla cultura e sulla società giapponesi che sono ancora ampiamente criticate oggi, sia in America che in Giappone.

Per i Rom, pur vivendo come minoranze locali in società per lo più cristiane o islamiche, il concetto di lajav (“vergogna”) è importante, mentre il concetto di bezax (“peccato”) non ha un tale significato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top