cebnews.eu

Teoria dei gruppi silenziati

La teoria dei gruppi silenziati (MGT), creata da Edwin e Shirley Ardener nel 1975, è una teoria della comunicazione che si concentra su come i gruppi emarginati vengono esclusi e esclusi dall’uso del linguaggio. L’idea principale di MGT è che “La lingua serve i suoi creatori meglio di quelli di altri gruppi che devono imparare a usare la lingua come meglio possono”. Il termine “mutedness” si riferisce all’incapacità di un gruppo di esprimersi a causa di questa iniquità. La teoria descrive la relazione tra un gruppo dominante e il suo gruppo (i) subordinato come segue: 1) il gruppo dominante contribuisce principalmente alla formulazione del sistema linguistico, incluse le norme e il vocabolario, e 2) i membri del gruppo subordinato imparare e usare il linguaggio dominante per esprimersi. Tuttavia, questo processo di traduzione può comportare la perdita e la distorsione delle informazioni in quanto le persone dei gruppi subordinati non possono esprimere chiaramente le loro idee. Il gruppo dominante può anche ignorare la voce del gruppo emarginato. Tutti questi possono alla fine portare alla mutezza del gruppo subordinato. Sebbene questa teoria sia stata inizialmente sviluppata per studiare le diverse situazioni affrontate da donne e uomini, può anche essere applicata a qualsiasi gruppo emarginato che sia attenuato dall’inadeguatezza delle loro lingue. MGT offre modi per cambiare lo status quo muting, cioè nominare le strategie di silenziamento, recupero, elevazione e celebrazione del discorso delle donne e creazione di nuovi linguaggi basati sull’esperienza del gruppo emarginato.

La teoria dei gruppi sciolti fu sviluppata per la prima volta nel campo dell’antropologia culturale dall’antropologo britannico Edwin Ardener. La prima formulazione di MGT emerge da uno dei brevi saggi di Edwin Ardener, intitolato “Credo e il problema delle donne”, in cui Ardener ha esplorato il “problema” delle donne. Nell’antropologia sociale, il problema delle donne è diviso in due parti: tecnica e analitica. Il problema tecnico è che sebbene metà della popolazione e della società siano tecnicamente costituite da donne, gli etnografi hanno spesso ignorato questa metà della popolazione. Ardener scrive che “coloro che sono addestrati in etnografia hanno evidentemente un pregiudizio nei confronti del tipo di modello che gli uomini sono pronti a fornire (o ad accordare) piuttosto che a quello che le donne potrebbero fornire”. Egli suggerisce anche che la ragione di questo è che gli uomini tendono a dare un “modello limitato di società” simile a quelli che sono attratti dagli etnografi. Pertanto, gli uomini sono coloro che producono e controllano la produzione simbolica in una società. Questo porta alla parte analitica del problema che tenta di rispondere alla domanda: “[…] se i modelli di società fatti dalla maggior parte degli etnografi tendono ad essere modelli derivati ​​dalla parte maschile di quella società, come fa il peso simbolico dell’altro? massa di persone si esprime? ” Dopo aver condotto un esperimento con le informazioni nel suo saggio, i risultati hanno indicato che il punto di vista maschile è il punto di vista dominante nella società, motivo per cui è raffigurato con una linea continua standard in questo grafico. D’altra parte, il punto di vista femminile è considerato non dominante e non standard, quindi rientra nella categoria mutata con la linea tratteggiata. Secondo Ardener, poiché le concezioni della società basate sul maschile rappresentano la visione del mondo dominante, alcuni gruppi sono messi a tacere o silenziati. Scrive: “In questi termini se la percezione maschile produce una struttura dominante, quella femminile è una struttura muta”. Come parte dell’approccio critico al mondo, Ardener usa MGT per esplorare il potere e la struttura sociale in relazione al dinamismo tra gruppi dominanti e subordinati. Inoltre, il concetto di gruppo mutato di Ardener non si applica solo alle donne, ma può anche essere applicato ad altri gruppi non dominanti all’interno delle strutture sociali.

Il silenzio non equivale al silenzio. L’attenuazione si verifica quando le persone non riescono a esprimere le loro idee, indipendentemente dal tempo e dallo spazio, senza cambiare la loro lingua per incontrare il vocabolario del gruppo dominante. L’assenza di tensione deriva dalla mancanza di potere e potrebbe portare a essere trascurati, attutiti e invisibili. Come afferma lo studioso di comunicazione di genere Cheris Kramarae, l’interazione sociale e la comunicazione creano l’attuale struttura linguistica. Poiché quest’ultimo è stato costruito principalmente da uomini, gli uomini hanno un vantaggio rispetto alle donne. Di conseguenza, le donne non possono esprimere i loro pensieri con le loro stesse parole perché il loro uso linguistico è limitato dalle regole della lingua di un uomo. Kramarae afferma: “Il linguaggio di una particolare cultura non serve tutti i suoi parlanti allo stesso modo, poiché non tutti gli oratori contribuiscono in modo uguale alla sua formulazione Le donne (così come i membri di altri gruppi non dominanti) non sono libere o come capace come gli uomini di dire ciò che desiderano, perché le parole e le norme per il loro uso sono state formulate dal gruppo dominante, uomini. ” Come sottolinea Cowan, “” mutedness “non si riferisce all’assenza di voce ma a una sorta di distorsione in cui le voci subordinate … sono autorizzate a parlare ma solo nei confini della comunicazione dominante

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top