cebnews.eu

Tribù (Internet)

Il termine tribù o tribù digitale è usato come termine gergale per una comunità non ufficiale di persone che condividono un interesse comune, e di solito che sono liberamente affiliati tra loro attraverso i social media o altri meccanismi di Internet. Il termine è legato alla “tribù”, che tradizionalmente si riferisce a persone strettamente associate sia alla geografia che alla genealogia. Al giorno d’oggi, sembra più una comunità virtuale o una rete personale ed è spesso chiamata tribù digitale globale. La maggior parte degli antropologi concorda sul fatto che una tribù è una (piccola) società che pratica i propri costumi e la propria cultura, e che questi definiscono la tribù. Le tribù sono divise in clan, con i loro costumi e valori culturali che li differenziano dalle attività che si verificano nel contesto della “vita reale”. Le persone si sentono più inclini a condividere e difendere le loro idee sui social network di quanto oserebbero dire a qualcuno faccia a faccia. Ad esempio, sarebbe ridicolo “colpire” qualcuno nella vita reale.

Il termine “tribù” ebbe origine nel periodo delle città-stato greche e della prima formazione dell’impero romano. Il termine latino “tribus” è stato da allora trasformato in “Un gruppo di persone che formano una comunità e rivendicano la discendenza da un antenato comune” (Oxford English Dictionary, IX, 1933, p. 339, come citato in Fried, 1975, p. 7). Con il passare degli anni, la gamma di significati è diventata più grande, ad esempio, “Uno dei vari sistemi di organizzazione sociale che comprende diversi villaggi locali, bande, distretti, lignaggi o altri gruppi e che condivide una discendenza, una lingua, una cultura e un nome comuni “(Morris, 1980, P. 1369). Morris (1980) nota anche che una tribù è un “gruppo di persone con un’occupazione, un interesse o un’abitudine comuni” e “una grande famiglia”. Vestigia di antiche comunità tribali sono state conservate in entrambi i grandi raduni (come le partite di calcio) e in piccoli (come le comunità ecclesiastiche). Anche se oggigiorno la gamma di gruppi denominati tribali è veramente enorme, non è stato fino a quando la società industriale non ha eroso i raduni tribali di società più primitive e comunità ridefinite. Tuttavia, l’esistenza dei social media come la conosciamo oggi è dovuta alla società post-industriale che ha visto la rapida crescita di personal computer, telefoni cellulari e Internet. Ora le persone possono collaborare, comunicare, celebrare, commemorare, dare il loro consiglio e condividere le loro idee attorno a questi clan virtuali che hanno ridefinito il comportamento sociale. Il primo tentativo di tali comunità sociali risale almeno al 2003, quando fu lanciato tribe.net.

Tribe Networks è la forza trainante di tribe.net, che è un sito simile ad altri siti di social network. Gli utenti possono creare i propri profili e unirsi alle reti, chiamate “tribù”, sulla base di interessi comuni. Inoltre, i membri possono pubblicare offerte di lavoro e consigli sugli eventi. Tribe serve 50 mercati metropolitani, il più grande dei quali è la San Francisco Bay Area, Los Angeles, Washington, D.C. e New York City. L’azienda è stata trovata nel luglio 2003 da Mark Pincus, Paul Martino e Valerie Syme, con l’obiettivo di connettere la gente locale per quello che Pincus ha descritto come “un cocktail party online in cui le persone stanno ottenendo risultati attraverso i loro amici. e connettersi e incontrare nuove persone. ” Ben presto il sito attirò l’attenzione di Knight Ridder, The Washington Post Company e Mayfield, società di venture blue chip, che investirono totalmente circa 6,3 milioni di dollari in capitale di rischio. Dopo tre mesi di attività, Tribe ha riunito 48.000 utenti registrati e 6.900 tribù distinte, ricavandone entrate da impieghi e campi di classe.

Non solo le tribù di Twitter hanno interessi reciproci, ma condividono anche le caratteristiche del linguaggio potenzialmente subconscio che si trovano nello studio del 2013 da ricercatori della Royal Holloway University di Londra e Princeton. Il Dr. John Bryden della School of Biological Sciences di Royal Holloway afferma che è possibile anticipare a quale comunità è probabile appartenere qualcuno, con una precisione fino all’80%. Questa ricerca mostra che le persone cercano di unirsi a società basate sugli stessi interessi e hobby. Per raggiungere questo obiettivo, i messaggi disponibili pubblicamente sono stati inviati via Twitter per registrare le conversazioni tra due o più partecipanti. Di conseguenza, ciascuna comunità può essere caratterizzata dalle parole più utilizzate. Questo approccio può arricchire l’individuazione di nuove comunità basate sull’analisi delle parole al fine di classificare automaticamente le persone all’interno dei social network. I metodi di identificazione delle tribù dipendevano molto da algoritmi e tecniche dalla fisica statistica, dalla biologia computazionale e dalle scienze della rete.

La ricerca aveva quattro fasi principali su cui si concentrava: background, risultati, conclusioni e metodi.

Il linguaggio è un sistema di comunicazione costituito da suoni, parole e grammatica, o il sistema di comunicazione utilizzato dalle persone in un particolare paese o tipo di lavoro. La lingua è forse la caratteristica più importante che distingue gli esseri umani dagli altri animali. Inoltre, ha una vasta gamma

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top